Danza Butoh
leggi_tutto

Condotto da Yuri Dini...

La danza Butoh nasce in Giappone, all’indomani della disfatta della Seconda Guerra Mondiale, come un grido contro la disumanizzazione e la perdita di valori dovute all’apertura forzata alla Macchina occidentale. Questa rivolta, che in altri prende la via delle lettere o quella delle armi, della pittura o del cinema, si attua nel Butoh attraverso il corpo. Un corpo a rischio, il cui potere espressivo, reciso dai legami con quelle potenze che da sempre regnano sull’umano esistere, è fortemente minacciato. La danza Butoh è difficilmente definibile. Non si compone di “figure” o “posizioni” necessarie, anche se, nel tempo, s’è formato una sorta di repertorio di immagini più o meno riconoscibili. Numerose generazioni di danzatrici e danzatori poi, e la commistione con stili di danza e forme d’arte diversi, han dato vita negli anni ad un numero impressionante di nuove forme. Né la lentezza né le smorfie né l’argilla bianca sono ormai sufficienti a rinchiuderla in un dizionario delle arti. Allontanandoci quindi dalla tentazione di definirne i...

tratti fondamentali ci limiteremo a suggerire che ciò che accomuna e circoscrive coloro che praticano il Butoh è una sorta di sensibilità per alcune dimensioni specifiche dell’esistenza, spesso difficili da contemplare ed incarnare.


Descrizione del lavoro:
Ogni giornata sarà divisa in una prima parte dedicata al potenziamento, fisico ed energetico del corpo, attraverso i rudimenti di discipline quali lo Yoga ed il Tai Chi. Ad essa seguirà uno studio tecnico di alcune “figure di repertorio” della danza Butoh ed esercizi finalizzati al costituirsi come Presenza in scena. Infine, come ultima parte, si chiederà ai partecipanti di cimentarsi in improvvisazioni di gruppo, prima guidate poi “libere”.

Elementi:
La Struttura
Zero Walking
Le Figure (il Fiore, l’Insetto, la Tigre, il Burattino, il Vecchio, la Dama Bianca, il Guerriero…)
Lo Sguardo
L’Improvvisazione
Il Rito

Finalità:
Sviluppare una sensibilità tanto di superficie quanto dei sommovimenti profondi che attraversano il Corpo, la Scena e l’Audience, con un’attenzione particolare alle relazioni magnetiche che con essa si possono instaurare.

CV:
Yuri Dini è regista, danzatore, attore e musico nelle compagnie Knocking Theatre (Glasgow) ed Il Teatro della Beffa (Bologna-Firenze). Ha studiato mimo alla scuola di Lecoq a Parigi, e Danza Butoh, in vari luoghi sparsi per l’Europa, con i maestri Atsushi Takenouchi, Masaki Iwana, Minako Seki, Tadashi Endo, Kan Katsura, Imre Thormann, Sayoko Onishi e Yumiko Yoshioka. La sua pratica si è poi arricchita, negli anni, dello studio di discipline quali lo Yoga, il Tai Chi ed il Kung Fu.

Immagini

Il Teatro della Beffa - 2012 || progettobeffa@gmail.com